Mercoledì, 23 Giugno 2021 11:15

Che Cos'è Un'Opzione Finanziaria?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un'opzione finanziaria è un contratto che regola l'acquisto o la vendita di uno specifico prodotto finanziario noto come “sottostante”

Per le opzioni su azioni, lo strumento sottostante è un'azione, ma ci sono opzioni anche su indici, futures, ETFs o prodotti simili. 

Il contratto in sé è molto semplice e preciso. Stabilisce un prezzo di acquisto o vendita specifico, denominato prezzo di esercizio , al quale il contratto può essere esercitato, ovvero attuato da parte del compratore.

Pensa ad esempio al contratto preliminare di acquisto di un immobile e noterai che quel tipo di contratto è di fatto un opzione sull’immobile. Entro una certa data si ha il diritto di comprare l’immobile ad una certa cifra pattuita.

Questi contratti quindi hanno una data di scadenza. Quando un'opzione scade, non ha più valore e non esiste più.

Le opzioni finanziarie sono di due tipi, CALL e PUT e si differenziano dal fatto che uno regola il diritto a COMPRARE (CALL) e l’altro a VENDERE (PUT). Ovviamente un investitore acquistare o vendere entrambi i tipi di contratto in base al tipo di obiettivo che si è prefissato.

[Comprare e vendere un opzione]

Se acquisti una CALL, hai il diritto di acquistare lo strumento sottostante al prezzo di esercizio alla scadenza o prima. Se acquisti una PUT, hai il diritto di vendere lo strumento sottostante alla scadenza o prima. In entrambi i casi, il titolare dell'opzione ha il diritto di vendere l'opzione a un altro acquirente durante il suo periodo o di lasciarla scadere senza valore.

Altra questione invece è se vendi un'opzione. La vendita per aprire una posizione short sull' opzione obbliga il venditore ad adempiere alla propria parte del contratto se il titolare dell'opzione desidera esercitare .

Quando vendi una CALL, sei obbligato a vendere il sottostante al prezzo di esercizio, se assegnato . Quando vendi una PUT sei obbligato ad acquistare il sottostante, se assegnato.

In qualità di venditore, non hai alcun controllo sull'esercizio o meno di un contratto e devi sapere che l'esercizio è possibile in qualsiasi momento prima della scadenza. Tuttavia, proprio come l'acquirente può vendere di nuovo un'opzione sul mercato piuttosto che esercitarla, un venditore può acquistare un contratto di compensazione (uguale a quello venduto quindi riacquistare) per porre fine al proprio obbligo di rispettare i termini di un contratto a condizione che non siano stati assegnati.

[Il valore (premio) di un'opzione]

Quando si acquista un'opzione, il prezzo di acquisto è chiamato premio.

Se vendi, il premio è l'importo che ricevi subito. Il premio non è fisso e cambia costantemente in base a diversi fattori per esempio il dare e avere tra ciò che gli acquirenti sono disposti a pagare e ciò che i venditori sono disposti ad accettare per l'opzione. Il punto dell'accordo diventa il prezzo per quella transazione. Il processo quindi ricomincia. Esattamente come avviene per la classica compravendita di azioni.

Se acquisti opzioni, inizi con un addebito netto . Ciò significa che hai speso denaro che potresti non recuperare mai se non vendi la tua opzione con profitto o non la eserciti. Se guadagni soldi su una transazione, devi sottrarre il costo del premio da qualsiasi reddito per trovare l'utile netto.

Come venditore, inizi con un credito netto perché riscuoti il ​​premio. Se l'opzione non viene mai esercitata, tieni i soldi. Se l'opzione viene esercitata, mantieni comunque il premio ma sei obbligato ad acquistare o vendere il titolo sottostante se assegnato.

[Il valore delle opzioni]

Il valore di un particolare contratto di opzione per un acquirente o un venditore è misurato dalla sua probabilità di soddisfare le loro aspettative. Nel linguaggio delle opzioni, questo è determinato dal fatto che l'opzione sia, in-the-money o out-of-the-money alla scadenza.

Un'opzione CALL è in-the-money se il valore di mercato corrente dell'azione sottostante è superiore al prezzo di esercizio dell'opzione. L'opzione CALL è out-of-the-money se il titolo è inferiore al prezzo di esercizio. Inversamente invece, un'opzione put è in-the-money se il valore di mercato corrente dell'azione sottostante è inferiore al prezzo di esercizio. Un'opzione put è out-of-the-money se il suo prezzo sottostante è superiore al prezzo di esercizio. Se un'opzione non è in-the-money alla scadenza, l'opzione viene considerata priva di valore.

Il premio di un'opzione può avere due parti: un valore intrinseco e un valore temporale. Il valore intrinseco è l'importo che indica quanto è in-the-money. Il valore temporale è la differenza tra il valore intrinseco e il premio. In generale, maggiore è il tempo in cui le condizioni di mercato funzionano a tuo vantaggio, maggiore è il valore temporale.

[Opzioni Prezzi]

Diversi sono i fattori che influenzano il prezzo di un'opzione. L'offerta e la domanda nel mercato in cui viene negoziata l'opzione è un fattore importante. Questo è anche il caso di un singolo stock.

Lo stato dei mercati complessivi e l'economia in generale sono ampie influenze. Le influenze specifiche includono l'identità dello strumento sottostante, il comportamento tradizionale dello strumento e il comportamento attuale. La volatilità dello strumento è anche un fattore importante utilizzato per valutare la probabilità che un'opzione si muova in-the-money.

Se pensi che questo articolo ti sia stato utile condividilo oppure fammi sapere che ne pensi lasciando un commento sul mio canale https://www.youtube.com/c/angelomileto , rispondo attivamente e personalmente a tutte le tue domande.

Ogni settimana pubblico nuovi video e consigli su tutto ciò riguarda il mondo del trading con le opzioni.

Angelo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.